sindacato emilia romagna, sindacato bologna, sindacato fisi, felice osio fisi, sindacato regionale.

www.fisiemiliaromagna.it

MENU'
Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali
F.I.S.I. NAZIONALE EMILIA ROMAGNA
Vai ai contenuti


FISI CRESCE CON VOI
SEMPRE PRONTI A SOSTENERVI
LOTTIAMO PER I VOSTRI DIRITTI
GUARDIAMO INSIEME AL FUTURO
COSTRUIAMO UN MONDO MIGLIORE
UNISCITI A NOI ..ORA..
OBBLIGO VACCINALE SANITARI, RICORSO ALLA CORTE COSTITUZIONALE, LA FISI ADERISCE
ll Consiglio di Giustizia Amministrativa per la Regione Siciliana,  massimo organo giurisdizionale amministrativo, accogliendo le tesi difensive , ha sollevato davanti  alla Corte Costituzionale la questione dell’illegittimità  costituzionale delle norme imponenti l’obbligo vaccinale ai sanitari. Il Consiglio di giustizia amministrativa della Sicilia ha inviato alla Corte Costituzionale  gli atti di un procedimento avviato da un tirocinante infermiere che  non ha potuto sostenere il tirocinio formativo in ospedale perché non vaccinato, in quanto aveva già contratto il Covid e per il rischio di  eventi avversi; i giudici amministrativi siciliani hanno chiesto alla  Consulta di valutare eventuali profili d’incostituzionalità  “della normativa sulla vaccinazione obbligatoria per Covid-19 rispetto  agli altri parametri di costituzionalità dei vaccini obbligatori, in  particolare gli eventi avversi”.  La FISI , insieme a molti lavoratori con obbligo vaccinale e/o sospesi dal servizio e dalla retribuzione , hanno deciso di costiutuirsi nel giudizio di costituzionalità supportati dagli Avvocati Liberi di A.L.I. ( avv Di Lorenzo e avv Martina) . Ma le intenzioni dei lavoratori soggetti all'obbligo e sospesi dal servizio e dalla retribuzione non terminano con questo intervento e , in prosieguo, proprio sugli esiti avversi da vaccino ricorreranno uniti al Tribunale Amministrativo per la revoca delle autorizzazioni al commercio dei vaccini. Ricordiamo che dall'ultimo rapporto sugli esiti vaccinali gli Istituti preposti, benchè in regime di farmacovigilanza passiva, hanno appurato più di 110.000 esiti avversi di cui oltre 15.000 gravi, 703 morti sospette e 16 morti certamente correlate al vaccino.
Anche sul lato degli assegni alimentari - dovuti a chi è sospeso dal servizio per questioni disciplinari e giudiziarie -  la battaglia non finisce qui e si andrà avanti , dopo alcune sentenze positive avute nell'ultimo mese , nel riconoscimento  di detti assegni. E' immorale , in uno Stato che voglia dirsi giusto e democratico, appurare che chi è sospeso dal servizio per gravi reati percepisca la metà dello stipendio più la retribuzione di anzianità e gli assegni familiari nel mentre chi , per libera scelta , non si è sottoposto all'inoculazione, venga considerato peggio di un criminale al 41 bis (reati di mafia)  e gli venga negata ogni  possibilità di sopravvivenza  . Anche su questo forti dubbi di costituzionalità pervadono una legge , quella a detta del Governo "sull'obbligo gentile" , che è "punitiva" nei confronti di cittadini che non accettano trattamenti sanitari obbligatori.
I lavoratori obbligati al vaccino e sospesi dalla retribuzione hanno creato un fondo specifico per far fronte alle spese di giudizio e per ripristinare il diritto costituzionale alla libera scelta senza ricatti . Per chi volesse contribuire partecipando ai ricorsi basta andare su questo indirizzo telegram https://t.me/fisiricorsocollettivo e seguire le modalità  di partecipazione, i video e tutti gli aggiornamenti. Invitiamo tutti i sospesi dal servizio e dalla retribuzione, tutti coloro che - sanitari  o ultra 50 enni -  hanno accusato esiti avversi da vaccino, tutti i guariti dal COVID per immunità naturale, tutti coloro che non intendono proseguire con la terza e la quarta inoculazione, a partecipare attivamente ai ricorsi proposti da noi e da altri soggetti che stanno combattendo questo sistema che, se non fermato,  durerà anni esponendo tutta la popolazione a eventuali rischi nel  medio e lungo termine. Lamentarsi o non fare nulla , in attesa che qualcuno ci tolga le castagne dal fuoco al posto nostro, non serve a nessuno e sopratutto non serve alla causa di tutti. Uniamoci , ne va della nostra salute individuale e della salute dei nostri figli , se passa l'assunto governativo del "comando io sulla vostra pelle" l'Italia non sarà mai piùm una terra di libertà.
Per 2 anni il governo non ci ha lasciato scelta, ORA E' IL MOMENTO......SANITA', DOCENTI, POLIZIA DI STATO, ESERCITO E I CINQUANTENNI SOGGETTI ALL'OBBLIGO........AIUTATECI ADERENDO AL RICORSO..... andate su questo indirizzo telegram https://t.me/fisiricorsocollettivo e seguite le modalità  di partecipazione, i video e tutti gli aggiornamenti. Oppure clicca qui per scaricare la scheda.
F.I.S.I
Per la prima volta nella storia ultracentenaria della Barilla, un sindaco indipendente FISI presenta le RSU e fa oltre 20 iscritti.
CONTATTACI




Created  Felice Osio
Torna ai contenuti